L’oftalmologo come arriva a formulare la diagnosi?

Inizialmente, l’oftalmologo controlla l’acuità visiva e ispeziona il fondo oculare alla ricerca di possibili depositi (cosiddetti essudati duri), alterazioni vascolari, liquidi trasudati nella retina o altre lesioni. Per effettuare questo controllo, l’oftalmologo solitamente dilata le pupille con l’uso di colliri, in modo che arrivi più luce sulla retina e quindi possa valutarla meglio. A causa della dilatazione delle pupille, gli occhi reagiscono alla luce più sensibilmente del solito. Non è permesso condurre automobili, motociclette e biciclette finché la capacità visiva è disturbata dalla dilatazione delle pupille. Ciò può durare diverse ore. Inoltre è consigliato l’uso di occhiali da sole con lenti scure.

Per poter rappresentare la retina ad alta risoluzione, molti oftalmologi si servono della tomografia a coerenza ottica (OTC). Essa si basa su un principio simile a quello dell’esame ecografico. Utilizzando la luce anziché gli ultrasuoni per questo esame di diagnostica per immagini, si ottiene una sezione ottica della retina, che consente di valutarne la consistenza e l’eventuale fuoriuscita di liquidi. L’OTC è indolore. Essa è in grado di rivelare perfino minuscole alterazioni del centro della retina.

Un ulteriore importante accertamento è la fluoroangiografia. Per effettuare questo esame, in una vena del braccio si inietta un colorante che si distribuisce in tutto il circolo sanguigno, compresi gli occhi. Illuminando questo colorante nel fondo dell’occhio, si crea un’immagine che visualizza i vasi patologici, le aree non irrorate e i liquidi trasudati.

In base a questi esami, il suo medico può accertare se lei soffre di una malattia della retina dovuta al diabete ed eventualmente potrà stabilire il trattamento per lei più idoneo.

La figura a sinistra mostra una sezione trasversale di una retina sana ottenuta mediante tomografia a coerenza ottica (OCT). Nell’immagine a destra si può riconoscere l’edema maculare diabetico: la retina nella regione della macula si presenta tumefatta a causa del liquido trasudato.

PP-PF-OPHT-CH-0018-1 18/09/2019 d/f/i